Gare telematiche: domande frequenti

Cos’è e a cosa serve la piattaforma Gare Telematiche?

La piattaforma Gare Telematiche consente di gestire, interamente o parzialmente, una procedura di gara, a partire dalla sua creazione, dalla pubblicazione del bando, dall’iscrizione e invio telematico dei documenti richiesti da parte dei partecipanti, fino alla seduta di gara e all’aggiudicazione.
Utilizzando Gare Telematiche contestualmente ad Albo fornitori e professionisti, sarà possibile invitare alle procedure di affidamento i propri operatori economici qualificati.

Se decidiamo di adottare la piattaforma Gare Telematiche, non potremo più effettuare gare tradizionali?

Il software Gare Telematiche è estremamente flessibile. Può essere infatti utilizzato sia per gestire l’intera procedura di gara (creazione bando, pubblicazione, invio telematico, seduta di gara, aggiudicazione) sia per gestirne solo una parte (creazione bando e pubblicazione, gestione della sola seduta di gara, ecc.). Inoltre, è possibile inserire in seduta di gara anche i documenti di partecipazione cartacei. Il nuovo codice dei contratti tuttavia indica l'obbligatorietà delle procedure telematiche per le CUC e dal 2018 per tutte le P.A.

Quali sono i requisiti per partecipare ad una gara telematica?

Per partecipare ad una gara telematica è obbligatorio possedere una firma digitale, una PEC (posta elettronica certificata) e acquisire, se richiesto dall'Ente, marche temporali.

In caso di trattativa diretta o cottimo fiduciario, gli iscritti all'albo informatizzato della Stazione Appaltante potranno essere selezionati e ricevere l'invito a partecipare; per i bandi aperti è necessaria solo una parziale iscrizione, al fine di ottenere le credenziali di accesso e poter partecipare al bando telematico, visibile nell'elenco bandi attivi, tramite la propria area riservata.

Che differenza c'è tra una gara tradizionale ed una gara telematica?

La procedura telematica ripercorre fedelmente le fasi di quella tradizionale, con la differenza che tutte le comunicazioni e l'invio dei documenti avvengono per via digitale. Ogni pratica digitale ha un suo numero identificativo che consente di individuarla immediatamente all'interno della piattaforma.

Il partecipante alla gara come può assicurarsi che la documentazione amministrativa e l'offerta tecnica/economica sia stata correttamente ricevuta?

All'atto dell'invio dell'offerta tecnica ed economica, riceverà una mail PEC con l'elenco dei file caricati (nome - dimensione - data) ed un codice identificativo univoco (codice hash generato con algoritmo sha 256). Tale procedura conferisce la certezza assoluta dell'identità del file immesso nel sistema, anche da un punto di vista giuridico nel caso di ricorsi.

Il fornitore può porre domande in via telematica alla stazione appaltante in merito al bando?

Sì, nella pagina relativa alla gara è disponibile una text-area in cui porre quesiti; il partecipante riceverà la risposta tramite la sua area riservata. Se il quesito è di interesse o di carattere generale, verrà reso disponibile anche per gli altri partecipanti sotto forma di FAQ (domande frequenti), pubblicate in automatico nella pagina del bando di gara.

Le graduatorie saranno visibili online?

Sì, una volta stilata la graduatoria, verrà data comunicazione sulla voce “aggiudicazioni” della ditta aggiudicataria e del criterio di aggiudicazione. Contestualmente la graduatoria verrà altresì pubblicata nel portale ufficiale dell'ente.

Si può presentare ricorso telematico?

Il ricorso dovrà avvenire secondo i canoni tradizionali o con l'invio di una PEC con valore di raccomandata.

Albi Informatizzati: domande frequenti
>> Approfondisci